Markus: la mia “Food Experience” da Maurizio De Riggi

Maurizio De Riggi è senza dubbio uno degli chef emergenti del panorama campano da tenere d’occhio.

Ragazzo con la testa sulle spalle, gran lavoratore, impegnato anche nel sociale, Maurizio lo scorso mese di Aprile ha inaugurato la nuova sede del Markus nel centro storico di San Paolo Belsito, storico borgo dell’Agro Nolano.

IMG_9205

Le sue esperienze in diverse cucine stellate, tra cui Taverna Estia a Brusciano, la sua passione per l’arte ed il suo amore per le tradizioni e la cultura enogastronomica del suo territorio, lo hanno portato ad ideare e realizzare un menù di altissimo livello tecnico, ma con gusti e sapori “di una volta” che riescono ad emozionare il palato e stimolare la mente con i ricordi dei sapori di una volta.

Un menù equilibriato suddiviso in Benvenuto (antipasti) Inizio (primi) Seguente (secondi) Epilogo (dessert).

Scelgo insieme a mia moglie alla carta.

Si parte con una entree davvero particolare, ovvero una “Alice in tortiera” resa però “crunchy” in una sfoglia sottile di pane e origano. La prima delle sorprese dell’estro di Maurizio.

FB_IMG_1504129447385

Seguono i due antipasti

dav

La “Scarola a mappina”:  scarola in purezza con aglio fresco, aromatizzata con pesto di olive nere DOP Kalamata e olive verdi di Cerignola, petali di pomodori pugliesi essiccati al sole, cipollina fresca e prezzemolo Strianese biologico.

dav

Il “Carbonaro” : Paninetto integrale ripieno di tuorlo d’uovo bruciato avvolto
con guanciale artigianale di Cimitile al pepe nero, maionese di Pecorino Romano DOP
su pennellata di prezzemolo Sarnese biologico. Una vera bomba, forse la portata che più mi ha sorpreso insieme al primo piatto.

A seguire i due primi ovvero

dav

Lo “Spaghetto 3.0”, ossia Spaghetti in tre varietà di grano Matt, Kamut, Senatore Cappelli e mono varietà di frumento, farro, massaggiati in olio extravergine di Olive Potentine
fusi da cremoso di mango e aglio nero, spuma di bufala campana,
crudo di fave vesuviane e tozzetti di pomodoro San Marzano Agro-Sarnese
Nocerino DOP profumati al thè verde.

Un piatto geniale, per colori, profumi e consistenze che da solo vale la visita da Maurizio.

dav

“Pane e mortadella”: Risotto 100% Carnaroli Superfino cotto in acqua di Mortadella BolognesePresidio Slow Food, profumato con pepe bianco di Muntok pestato a mano
e ricoperto con briciole di pane cafone di Cicciano.

Piatto molto delicato al quale avrei dato una punta di sapidità in più, ma sono piccoli dettagli che non sminuiscono la creazione di Maurizio.

Si passa ai secondi

dav

Il “Pesce Salato” : Baccalà Norvergese al vapore con petali di pomodoro San Marzano Agro-Sarnese Nocerino DOP, insalatina di sedano fresco Sarnese, scorzetta di arancia candita,cremoso di mais, bocciolo di cappero. Una vera sorpresa per me che non apprezzo molto il baccala… ma l’insieme dei sapori e dei profumi mi ha davvero conquistato.

Infine il top della serata

dav

La “Fassona in primavera” : Tartare di fassona Piemontese profumata con gocce extra vergine di oliva Ravece e scaglie di sale affumicato su pestone di erbette spontanee, crema di porcini e ristretto di peperoni e fagiolini Strianesi. Una bomba. Ogni boccone era un’estasi di sapore…. davvero eccezionale.

Il percorso si conclude con due dolci

dav

Il “Pensando ad un Tiramisù” , realizzato con Sfera fondente 67% Michel Cluizel, spuma di latte di bufala cotto al profumodi thè verde giapponese Matcha, mousse di kiwi e croccante al caffè. Una sola parola. SUBLIME

dav

La “Crostatina”: frolla con crema pasticcera profumata agli agrumi, confettura Bio di Aglianico, meringa profumato con fava Tonka, castagne al vin cotto, mousse al cocco
e fondente 67%, frutti di bosco, polvere di capperi. Anche questa decisamente convincente.

Dulcis in fundo:  Il caffè (miscela arabica) realizzato con la “cuccuma” napoletana.

Una chicca di altri tempi che ti scalda il cuore e l’anima.

Un plauso a Maurizio per la sua cucina fatta di ricerca, passione e fantasia. Sono sicuro che lo aspetta un futuro stellato.

Markus Food Experience San Paolo Bel Sito (Na)

 Via Ferdinando Scala 94
Tel. 081.18540847 Aperto a cenza
Chiuso lunedì, domenica sera

Annunci

Salotto FAME: C’è più gusto a stare insieme

received_10213921509658003

Mercoledì 30 agosto a San Vitaliano (in via Nazionale delle Puglie, 1) – in provincia di Napoli – si svolgerà l’inaugurazione di “Salotto Fame”: una hamburgeria – braceria che propone prodotti di qualità ottenuti con ingredienti naturali e abbinati a birre e vini italiani.

received_10213921509978011
Come nel salotto di casa, considerato la stanza più importante dell’appartamento, dove si ricevono gli ospiti e ci si sofferma a parlare, Felice e Lucia (i proprietari) hanno inteso strutturare il loro locale in maniera tale da accogliere gli ospiti in un ambiente fresco, accogliente e moderno, riempendoli di attenzioni, come se fossero a casa di parenti o amici… Un concetto di ristorazione già noto agli habituè della vecchia sede del Fame, ubicata a Marigliano, che in soli tre anni si è accreditata come punto di riferimento degli “hamburger addicted” e, più in generale, dei buongustai.
Ormai l’american style ha sedotto gli italiani. Ma il cibo simbolo del fast food è stato contaminato dalla genuinità italiana ed è diventato un piatto buonissimo da mangiare. E’ divenuto dunque una pietanza prelibata da gustare in tanti modi, in maniera sana e fantasiosa. Innanzitutto tutte le componenti dei panini proposti nel “menews” del Fame (il menù è impostato come un giornale) sono all’insegna della massima qualità possibile e prodotti in totale autonomia con materie prime da ristorante stellato. Pane preparato giornalmente (bun americano con semi di sesamo e papavero), così come le salse fatte in casa e tutti i topping. La carne, in assoluto la protagonista, viene valorizzata da ingredienti di contorno di qualità inseriti nel panino con un senso logico e non “tanto per far scena”. Infine salse concentrate ed eseguite con rispetto, vere e proprie componenti nell’insieme, non i soliti “veicoli grassi” e poco più. Non mancano ovviamente gli special burger: come il “LovEster” (dedicato alla figlia dei proprietari) – fatto con hamburger di Fassona piemontese da 200 gr, mezzo astice americano fresco, julienne di insalata icebearg, bacon croccante affumicato, smokey baconaise sause -, oppure il “Vesuvio” ottenuto con hamburger, composta di melenzane a funghetto con pacchetelle di pomodoro del piennolo dop, fior di latte di Agerola e guanciale di maialino nero. Altro “must eat” lo “Cherry” con hamburger, confettura di ciliegie, caciotta stracchinata, guanciale di maialino nero dei Nebrodi e rucola di campo… Il panino gourmet per eccellenza! Impossibile non trovare il panino del proprio cuore.
Altro “pezzo forte” del menews è la cheese cake, tipico dolce americano rivisitato in chiave campana: viene fatto con la “lattica”, un formaggio innovativo prodotto da Francesco Savoia presso l’omonimo caseificio di Roccabascerana, ottenuto dal latte di vacca pezzata rossa; inoltre nel biscotto c’è un ingrediente segreto, sempre legato ai sapori nostrani; tanti i topping con cui guarnirla ( frutti di bosco, caramello al burro salato, crema alla nocciola, crema al pistacchio, crema al torroncino, etc.).
Insomma , sarà pure un locale dove trascorrere una serata, ma per qualche ora il Salotto Fame vi farà sentire davvero a casa!

Hashtag ufficiale: #SalottoFame

SALOTTO FAME
Via Nazionale delle Puglie, 1
San Vitaliano (Napoli)
Tel. 3331765836
Pagina Facebook: Salotto Fame Hamburgeria Braceria

Mr. Panuozzo: quando lo street food è gustoso e divertente.

Il 30 agosto apre “Mr Panuozzo”: risate “di gusto” a Napoli.

Il 30 agosto apre a Napoli, in zona Fuorigrott­a,  “Mr Panuozzo”, un nuovo punto di riferimento per i buongustai napoletani e non. Il locale è gestito da Salvatore Di Napoli, veterano della ris­torazione (da oltre 30 anni è “con le ma­ni in pasta”) e da suo figlio Daniele. Grazie alla loro abil­ità si potranno gust­are panuozzi, panozz­etti (lunghi 25 cm, la metà del panuozzo classico, destinati al consumo per una sola persona) e pani­ni fragranti e soffi­ci, mai  pesanti (pe­rché l’impasto viene ben lievitato ed id­ratato, come vuole la tradizione gragnan­ese), farciti con pr­odotti di altissima qualità, nominati e assemblati in modo tale da celebrare la cultura, le tradizio­ni, il folklore napo­letano (c’è, ad esem­pio, il panino intit­olato ad Eduardo De Filippo, quello dedi­cato a Pino Daniele, a Vincenzo Salemme, a Biagio Izzo, a Pu­lcinella, a Massimo Troisi). Il tutto “c­ondito” da un serviz­io di sala accoglien­te, divertente, “poco  convenzionale” e gratuito! Il persona­le “urla” le ordinaz­ioni in cucina, parla napoletano, si esi­bisce in divertenti sketch e parodie, e in alcune sere ci sc­appa anche uno “spet­tacolino”… Magari qu­alche intervento diCarmine Migliaccio, giovane youtuber e rapper giuglianese, meglio conosciuto come “Carolina”, che attraverso la sua ir­onia e il suo talento analizza la società moderna realizzando divertenti video che gli hanno fatto guadagnare centinaia di migliaia di follo­wer sui social.

Anche i nomi di alcu­ni panuozzi fanno ri­dere, come “Il Porcellino” (il classico panuo­zzo con porchetta, provola e patatine) o “Il Ricottaro” (con ricotta, pepe, porchetta e provol­a).

Il panuozzo
Nato a Gragnano, il panuozzo è una delle eccellenze gastrono­miche “made in Campa­nia” più particolari. Si tratta di un pa­nino realizzato con la pasta della pizza e preparato al forno in due fasi: dopo una prima cottura vi­ene tagliato, farcito e nuovamente infor­nato, per ottenere un prodotto morbido e fragrante. Ideale per un pasto veloce ed economico, ad esem­pio una pausa dal la­voro, una merenda o una cena informale.
A Napoli lo si può gustare da Mr Panuoz­zo, moderna insegna che lo propone in qu­aranta versioni (che diventano centinaia se si considera che i diversi ingredien­ti possono essere as­semblati a piaciment­o), tutte accomunate dai sapori veraci e dall’utilizzo di pr­odotti artigianali italiani (campani sop­rattutto).

3 DON SALVATOR, PANINO A OLIO, PORCHETTA DI ARRICCIA, PROSCIUTTO COTTO, PROVOLA, PATATINE E AGGIUNTA DI FIOCCO DI PATATE, TUTTO TRITATO

Mr Panuozzo – Don Sa­lvatore 1968
Il brand è stato la­nciato il 18 marzo 2015 con l’apertura del primo punto vendi­ta in via Cavallegge­ri d’Aosta, al civico 44. Il 30 agosto sarà festeggiata l’ap­ertura del nuovo pun­to vendita al civico 44 di via Filippo Illuminato (in zona Fuorigrotta): un sogno per Don Salvatore che – innamorato del­la terra che dal 1968 lo ha visto nascer­e, crescere a matura­re – ha voluto creare uno spazio che la ricordasse in toto.
Abbiamo messo su un concept che esalta la napoletanità in tu­tte le sue forme“, spiega il figlio Daniele.
Il nuovo locale avrà circa 40 posti a sedere.


Fra i panuozzi best seller della “casa” il “Mr Chianina” (con hamburger di chianina 180 gr, pro­vola e patatine) e il “Mr Black” (con ha­mburger di maialino nero 180 gr, provola e patatine). Tra le tante proposte c’è anche il panuozzo ve­getariano farcito con melanzane, provola e friarielli. Ad af­fiancarlo ricette in­teressanti e audaci come il “Mr Mammà” con parmigiana, pr­ovola e polpette. Le carni utilizzate (p­orchetta, salsicce, pollo, hamburger fat­ti in casa con carni di chianina, scotto­na, maialino nero ca­sertano, etc.) per comporre panuozzi e panini sono tutte cer­tificate. Le polpette sono preparate dal­la nonna di Daniele (ovvero la mamma di Don Salvatore) secon­do un’antica ricetta che viene tramandata da generazioni e che custodisce gelosa­mente. La parmigiana al ragù, proposta tra i contorni oppure come “sfizio”, è in­vece preparata – sem­pre come vuole la tr­adizione napoletana – dalla mamma di Dan­iele e, quindi, mogl­ie di don Salvatore, il quale – tra l’al­tro – è anche pastic­cere, quindi delizia i suoi clienti con dolci sempre nuovi (non mancano mai chee­se cake e profittero­les, i suoi preferit­i).

 

Hashtag ufficiali: #donsalvatore #mrpanu­ozzo

 

Mr Panuozzo Pub
via Filippo Illumin­ato, 42 – 44
Napoli (zona Fuorig­rotta)
Tel. 0810361462
Pagina Facebook e profilo Instagram: Mr Panuozzo Pub