Brado presenta BradoPizza, la nuova sfida di Antonio Monda

FB_IMG_1529788764806

Ad un anno circa dalla sua apertura, “BradoBurger” propone “BradoPizza”, un nuovo tassello del mosaico che si inserisce all’interno del format già di successo del ristorante, braceria e hamburgeria del locale di Antonio Monda a Castello Di Cisterna, diventato un punto di riferimento importante per i buongustai.
La sfida del patron Antonio Monda dall’apertura di BradoBurger è sempre stata quella di dare spazio alle eccellenze del territorio per lo più campano; nell’ottica di una continua ed accurata selezione di prodotti di qualità, particolarmente significativa risulta essere la selezione di materie prime che sono coinvolte nella sua filosofia di proposta gastronomica, dalle carni di animali allevati completamente allo stato brado, ai prodotti Presidio Slowfood, a quelli D.O.P. ed I.G.P.

FB_IMG_1529788768767.jpg
Anche la pizza preparata da Brado incarna lo spirito già adottato per la cucina: materie prima di qualità, a km 0 e ingredienti di stagione.
Pertanto adesso sotto l’insegna di Brado abbiamo BradoBurger, BradoPizza e BradoRisto e l’ultima novità: Brado GLUTEN FREE, la proposta di cucina e pizza per celiaci.
Momento clou sarà la presentazione da parte di Tommaso Esposito, giornalista Enogastronomico e Vicepresidente dell’ “Accademia dei Baccalajuoli”, dello lo chef Luigi Russo del ristorante “La Lanterna” di Somma Vesuviana che proporrà la Pizza al Baccalà.

Il menù proposto per l’evento è composto dalla pizza che verrà servita in 5 diversi spicchi:
– Polpetta al Sugo: polpette al sugo di S. Marzano D.O.P., mozzarella vaccina di Alvignano, basilico, olio evo.
– Porchetta: provola vaccina di Alvignano, squacquerone, porchetta, crocchè, olio evo.
– Genovese: cipolla, gamboncello, spolverata di pecorino bagnolese in uscita, olio evo.
– Ortica: stracciata di bufala, crema di ortica, ciauscolo marchigiano D.O.P., olio evo.
– Soffritto: zuppa forte, ciuffi di ricotta Bagnolese, olio evo.

A concludere la cena, sarà servita una crema con fragoline di Sciacca, presidio SlowFood.
Ad accompagnare le proposte di pizza, i vini della casa vitivinicola Sorrentino Vini con “Vigna Lapillo Bianco” e “Vigna Lapillo Rosso”, per chi volesse invece pasteggiare con la birra la proposta è la “Baladin” Metodo Classico.
Brado – Via Cosimo Miccoli, 80030 Castello di Cisterna.
Tel : 081 803 1180

Annunci

450 Gradi: La pizza, la vita e le passioni di Gianfranco Iervolino.

 

IMG_1762

Una delle mie passioni nel mondo della pizza ha un nome e cognome.

Gianfranco Iervolino.

Gianfranco è uno dei pizzaioli più eclettici, estroversi e fantasiosi che conosco. Un pizzaiolo che parte da una carriera di chef e barman, con una base di cultura musicale dovuta ai suoi studi con Sergio Bruni. Se a tutto questo aggiungiamo un amore quasi viscerale con la sua terra, allora non possiamo non trovare delle pizze paragonabili a delle vere opere d’arte.

IMG_1744

Dopo le sue esperienze a Villa Giovanna, al Vialdo, e da Morsi & Rimorsi, tutti locali che grazie alla sua presenza hanno ottenuto i tre spicchi della guida Gambero Rosso, Gianfranco si mette in proprio e apre a Pomigliano D’Arco un locale che rispetta le sue passioni, sia per quanto riguarda l’arredo del locale, sia per quanto riguarda il menù, bilanciato tra pizze della tradizione e pizze d’autore, tutte già abbinate a vini e birre scelte da una vasta carta.

IMG_1735

L’impasto è come al solito eccezionale e la scelta degli ingredienti per il topping, tutti provenienti da produttori locali rende la pizza assolutamente una delle migliori in circolazione. Una menzione particolare va ai fritti: probabilmente i più originali di quelli che possono normalmente trovarsi in una pizzeria.

IMG_1748

Tra le pizze, come al solito fenomenale la margherita, e personalmente ho apprezzato la ” DIME’ “con pacchetelle e lardo di nero casertano e la “Rena Nera” –  impasto al nero di seppia farcito con provola di Agerola, carciofo di Schito, pomodoro il Dulcisio e gamberi rossi di Mazara).

IMG_1746

IMG_1749

A concludere una pizza dolce ovvero “La Polacca” due piccoli dischi di pizza farciti come il tipico dolce aversano, ovvero crema e amarene sciroppate e coperta da zucchero a velo.

IMG_1761

Insomma da Iervolino non si va mai sul banale. La sua verve ed il suo eclettismo si riversano sui suoi prodotti per un qualcosa di davvero unico e speciale.

Da provare e riprovare! Grande Gianfranco!

Breaking News. Vincenzo Iannucci lascia la pizzeria “Antonio e Gigi Sorbillo” e si lancia in una nuova avventura.

Vincenzo Iannucci, uno dei giovani pizzaioli napoletani più talentuosi in circolazione e brand Ambassador del gruppo Perrella, insieme a Diego Vitagliano e Raffaele Bonetta, proprio nel giorno dell’inserimento tra le migliori pizzerie d’Italia per la guida di 50 Top Pizza, lascia la pizzeria “Antonio e Gigi Sorbillo” di via dei Tribunali, per intraprendere una nuova sfida.

Questo il suo comunicato

“Dal giorno 31 Maggio non lavoro più presso la Pizzeria Antonio e Gigi Sorbillo. Li ringrazio per il percorso fatto e per l’opportunità di crescita professionale che mi hanno offerto.

Da oggi inizio a lavorare ad un nuovo progetto che comunicherò appena avrà preso forma in modo preciso”.

Facciamo gli in bocca al lupo a Vincenzo, sicuri che potrà esprimere il suo talento e la sua passione per la pizza nel modo migliore ed il prima possibile!

IMG_1146_preview