Pizzeria "Paradise" di Salvatore e Michele Lioniello

Pizzeria “PARADISE”
Via San Salvatore, 9
Orta di Atella
0818910783

Diciamo la verità… il mondo sta cambiando!
E stanno cambiando sia la pizza che i pizzaioli.
Le nuove scoperte in ambito alimentare e medico, il numero sempre maggiore di allergie ed intolleranze stanno spingendo molti giovani pizzaioli a sperimentare, per gli impasti che da offrire ai clienti, farine alternative alla classica 00, senza che questo, aggiungo io, tolga sapore alla classica pizza napoletana.

Sul podio di questa “new wave” della pizza 2.0, che ormai si sta evolvendo in 3.0, c’è senza dubbio Salvatore Lioniello, che insieme a suo fratello Michele, dopo anni di studi e continue sperimentazioni, propone per i suoi clienti, una serie di impasti con farine particolari: da quella integrale, a quella di canapa, di farro, di grano arso.

TIPO “0”

Farro Biologico

Grano Arso

Va detto subito che la scelta di Salvatore non è dettata dalla moda del momento “post – Report”, ma da una scelta di vita. Salvatore Lioniello infatti è uno dei pochi, l’unico che conosco a dire il vero, pizzaioli vegani, quindi le sue scelte e le metodologie di impasti sono legate a precise scelte alimentari e dietetiche.

Accolti con simpatia dal fratello e dalla moglie nella piccola pizzeria di famiglia aperta dal papà Nicola, Salvatore, pluripremiato pizzaiolo, ci spiega che nella pizzeria PARADISE, ogni giorno si possono trovare tre tipologie di impasti al giorno tra cui: integrale, grano arso, canapa, farro biologico, zenzero, curcuma, paprika, multicereali, riso nero, multifibre, aloe vera e barbabietola.

Ma non solo! Su richiesta è possibile avere una pizza completamente vegana, con carne di soia e formaggi fatti con latte di riso o soia.

Le pizze si presentano benissimo, disco di pasta sottile e cornicione basso, ma con ottima alveolatura. Sapore più pronunciato rispetto ad una pizza “classica” ma decisamente più saporito.

margherita classica con impasto tipo “0”

margherita con bufala con impasto al farro biologico

provola, porcini, olio bio ed impasto al grano arso

dettaglio del cornicione 

Insomma ce ne è davvero per tutti i gusti. Addirittura è possibile trovare birra alla canapa e deliziarsi a fine pasto con dolci realizzati con ingredienti vegani (Fenomenale il tiramisù).

E ad aggiunta della fantasia e versatilità di Salvatore, aggiungo una foto di repertorio di una pizza “macedonia” con crema chantilly, frutta fresca e  con un impasto all’anguria disidratata.

Una esperienza gastronomica che consiglio non solo ai vegetariani e vegani, ma a tutti gli amanti della pizza a 360°, sperando che l’esperienza di Salvatore Lionello possa spazzar via le ghettizzazioni tra pizza verace, classica, contemporanea napoletana o “alla napoletana”.
Qui si tratta di PIZZA…. E BASTA!

Straconsigliato!

Annunci